Quegli mi appare esser proprio un dio (Carme 51) – Caio Valerio Catullo

Quegli mi appare esser proprio un dio,
anzi, se fosse lecito, egli è sopra un dio,
perché seduto in fronte a te,
lui se ne sta tranquillo a guardarti e ascoltarti,
mentre sorridi dolce:
e invece a me, infelice, svelli del tutto i sentimenti.
Ché non appena ti vedo, Lesbia, non mi sopravvive un filo di voce.
Ma s’intorpida la lingua, e una fiamma sottile mi scorre entro le membra,
le orecchie dentro mi ronzano cupe, e la notte ricopre entrambi i miei lumi.
Catullo, il tempo libero è la tua rovina, ché troppo ti esalta e ti eccita.
L’ozio ha distrutto anche re e città un tempo felici.

Quegli mi appare esser proprio un dio (Carme 51) – Caio Valerio Catulloultima modifica: 2008-09-21T14:50:10+02:00da modellaroby
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento